Categorie
Restauro

Scatoletta “Filetti d’acciughe salate all’olio d’oliva” della prima guerra mondiale

Questa scatoletta è definita “non comune” dal libro “La grande guerra di latta, volume 3” a pagina 18. La nostra è in pessime condizioni si distingue appena che è prodotta dalla Società Alimentare Milanese.

Conteneva filetti di acciughe salate all’olio di oliva.

E’ stata conservata per puro caso perché al ritrovamento si presentava come un pezzo da buttare per quanto ancora solida: non aveva nemmeno 1 millimetro quadrato di colore visibile che invitasse al recupero.

Invece il trattamento con acido ossalico (20 grammi per litro), in acqua calda, ha portato alla luce qualche colore e qualche scritta. Peccato per il fondo, dove dovrebbe esserci un disegno che non sembra recuperabile.

Il restauro si è limitato al bagno in acido che si sarebbe potuto prolungare, ma non volendo rischiare i già delicati colori, ho preferito fermarmi e dare solo una protezione con olio di paraffina. Forse proteggendo le parti recuperate e provando con acido fosforico, si sarebbe potuto ottenere di più.

Lo farò con la prossima (e mia, questa era di un amico)!

Come si presentava dopo una prima pulizia con acqua corrente (ecco eprché sembra lucida), ma che ci sia qualche colore di fondo si intuisce.
Dopo pochi minuti in acido ossalico, il primo velo di ruggine viene eliminato ed inizia ad emergere il colore.
Le dimensioni effettive (e le condizioni…) della scatoletta della prima guerra mondiale.
La parte laterale con colori e scritte, l’unica che alla fine si è rovelata a noi!
Il fondo (o il coperchio) dove dovrebbe esserci un disegno e la scritta rossa tutta attorno: è rimasto ben poco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.