Categorie
Generale

Normativa, autorizzazioni e zone proibite per l’uso del metal detector

La normativa è molto variegata e spesso non cita direttamente l’uso del cerca metalli, ma bensì cosa si deve o non si deve fare in caso di ritrovamenti (bellici, archeologici, …).

Per il momento mi limito a riportare la normativa che più strettamente riguarda l’utilizzo del metal detector nel Veneto e nel Trentino Alto Adige e più avanti cerco anche i mettere i link alle norme generali italiane con le quali bisogna confrontarsi in fase di ricerca.

Le norme sono documenti ufficiali delle istituzioni che regolano l’utilizzo del cerca metalli, del comportamento quando si trova qualcosa, dei limiti nella ricerca sotto terra.

Tutto quello che non viene dalle istituzioni sono chiacchiere da bar, quindi cercate sempre di essere informati con fonti ufficiali e di essere in regola.

Se hai riferimenti precisi per altri luoghi, lasciami un commento in modo che li possa integrare. Grazie!

Veneto

Nella regione Veneto è richiesto un patentino per la ricerca nelle zone della Grande Guerra. Attenzione, solo in quelle zone (ammesso che sia precisamente definibili, non se lo utilizzo in mezzo alla campagna).

Per il Veneto, il consiglio è quello di rivolgersi ad una associazione, come l’Associazione 4 Novembre, che vi aiuta con la domanda e anche con la preparazione.

Monte Grappa (Bassano)

Sul Monte Grappa, tutta la zona sopra i 1700 metri è zona sacra, quindi non si può utilizzare il metal detector. Si incontrano i cartelli gialli lungo i sentieri.

Cartello che delimita la zona sacra sul Monte Grappa

Altopiano di Asiago

Riporto quanto mi è stato detto. Sull’Altopiano di Asiago sono particolarmente restrittivi. Considerato che la legge in genere proibisce lo scavo (e non c’è una definizione precisa di che cosa sia la “movimentazione superficiale”) la multa è dietro l’angolo.

Zone monumentali

Come per il monte Grappa, nell’ordinamento militare ci sono altre zone monumentali: monte Grappa, monte Sabotino, monte Pasubio e monte San Michele.

Le aree delimintate sono definite sempre dentro il codice, ve ne riporto un etratto:

Delimitazioni delle zone monumentali della prima guerra mondiale

Sempre nell’ordinamento sono definite altre zone, la cui delimitazione è demandata ad un decreto quasi introvabile del Ministro della Difesa. Ma qui abbiamo tutto!

Altre zone monumentali

Il decreto, l’unico che un amico con tanta pazienza ha scovato è il decreto ministeriale del 18 novembre 1975:

Decreto ministeriale per la delimitazione delle aree monumentali dela grande guerra, parte 1
Decreto ministeriale per la delimitazione delle aree monumentali dela grande guerra, parte 1
Cartello che delimita la zona monumentale sull’ortigara

Trentino Alto Adige – Provincia di Trento

Ho inoltrato una richiesta alla provincia per sapere se ci sono regole a livello provincia, ma non ho avuto ancora una risposta definitiva (quindi con buone probabilità non ci sono).

Esistono però le ordinanze del sindaco in almeno un paio di comuni:

Trentino Alto Adige – Provincia di Bolzano

Per la ricerca nella provincia di Bolzano va richiesto apposito permesso per utilizzare il metal detector.

Ho inoltrato domanda per sapere se l’autorizzazione possa essere negata e in base a quali considerazioni (altrimenti ci si rimette la marca da bollo di 16 euro) e se, nel caso, la marca da bollo possa essere pagata con gli strumenti digitali della PA onde evitare di produrre il documento in forma cartacea. Attendo risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.